La nuova tranvia comporterà un miglioramento per l’ambiente e per la salute dei cittadini?

L’obiettivo del progetto della nuova tranvia è migliorare la qualità della vita delle persone che abitano a Bologna, incrementando la protezione della loro salute e offrendo un servizio più efficiente, adeguato e di maggior qualità per spostarsi in maniera più sostenibile in città.

Essendo la Pianura Padana una delle zone con l’aria più inquinata in Europa, un mezzo di trasporto alimentato elettricamente e ad alta capacità, che promuove l’aumento dell’utilizzo dei mezzi pubblici e la riduzione dell’uso dell’automobile, comporterà certamente un miglioramento per l’ambiente e per la salute di tutti gli abitanti.

Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), e di conseguenza il progetto del tram, mirano a ridurre le emissioni di inquinanti atmosferici del 40% entro il 2030. Questo obiettivo è condiviso da tutti i Paesi firmatari dell’Accordo di Parigi (COP2015).

Questa riduzione comporta notevoli miglioramenti per la salute di tutti gli abitanti e per l’ambiente. Come è stato approfondito nella sezione 1. Perché il tram, le quattro linee tranviarie previste nel PUMS rappresentano per la città di Bologna la soluzione più adatta per incrementare l’uso di sistemi di trasporto più sostenibili in città, e insieme agli altri progetti previsti dal PUMS, come ad esempio il Biciplan, concorre al raggiungimento di  questo ambizioso e importante obiettivo.

Più tempi di vita, più aria pulita.  3,9M cittadini europei in zone con inquinamento sopra i limiti, 3,7M nel nord Italia - 520000 morti da inquinamento in Europa, 340 in Città Metr. - 25000 morti in incidenti stadali in Europa, 82 in Città Metr. - ogni Bolognese perde 104 ore in coda ogni anno
Dati su inquinamento Europa – Italia – Città Metropolitana – ©PUMS Bologna
Paesi appartenenti all'Accordo di Parigi
Mappa Paesi appartenenti all’accordo di Parigi – ©Nazioni Unite